2015

27/7

by Gabriella Ferrari

Formazione e professionalità docente

L'esperienza della Scuola Musicale Giudicarie

L'edificio confonde fin dall'inizio, perché sul portone si avvicendano ragazzini che stringono in mano le custodie di chitarre e tromboni a compunti signori con valigette gonfie di documenti e plichi sottobraccio; chi conosce la Scuola Musicale Giudicarie non ci fa più molto caso, eppure sono cubitali i caratteri dell'insegna appesa sopra la porta dell'ala est: “Giudice di Pace”!
Se i piccoli, tormentosi conflitti dei valligiani siano meglio risolvibili grazie all'adiacenza con l'aula di violino, o se la benevolenza del giudice debba un tributo alla bravura dell'allievo di turno è ancora tutto da verificare, ma lungo i corridoi e per le scale c'è un andirivieni di vitalità che strappa sorrisi ai contendenti, ancor prima che pace sia fatta.
Per gli echi che genera, mai tromba delle scale fu termine più azzeccato, percorsa dalle voci che s'intrecciano, dai saluti e dall'attesa di fare... Antonella non prende l'ascensore e mano alla ringhiera sale tutto d'un fiato, ma a metà rampa già si raccomanda: “Le suoniamo tutte, Gabriella? Le canzoni. Tutte vero?”

>>> continua nel file pdf allegato

>>> In allegato il depliant relativo a un corso di formazione che si terrà dal 3 al 6 settembre a Tione di Trento e la scheda del volume di Gabriella Ferrari e Markku Kaikkonen

© 2017 Associazione Centro Studi e Solidarietà Maurizio Di Benedetto | C.F. 92020080138                                                          Seguici sui social