2014

23/6

by Elisa Aleo

Insegnare uno strumento

L’acqua ha da sempre esercitato una grande suggestione sui musicisti, sia sotto l’aspetto dell’evocazione naturalistica, sia come metafora del fluire del tempo per il suo significato simbolico che rimanda all’essenza della vita stessa.

Questo breve saggio si rivolge ai giovani pianisti, nella convinzione che riflettere su alcuni accorgimenti tecnici usati dai compositori, nella fattispecie per creare una liquidità della scrittura pianistica, possa aiutarli nell'esecuzione e nell'interpretazione di brani noti e meno noti. Si potrebbe quasi affermare che la suggestione dell’elemento acquatico abbia suggerito ai compositori presi in esame la ricerca strumentale più raffinata e li abbia indotti a trovare soluzioni spesso innovative, sia per quanto riguarda la tecnica pianistica (uso del pedale, dinamiche…) che la struttura formale. Esserne consapevoli può essere d'aiuto nella ricerca di sonorità e di accorgimenti tecnici sul pianoforte.

© 2017 Associazione Centro Studi e Solidarietà Maurizio Di Benedetto | C.F. 92020080138                                                          Seguici sui social